Bretschneider Online Periodici
Rivista di Archeologia - Bretschneider Periodici Online
ISSN 0392-0895

RIVISTA DI ARCHEOLOGIA
[Supplementi]

La «Rivista di Archeologia» pubblica come «Supplementi» volumi monografici di studiosi sia italiani sia stranieri

elenco supplementi

ROMAN TEMPLES, SHRINES AND TEMENE IN ISRAEL

ASHER OVADIAH - YEHUDIT TURNHEIM
[Supplementi alla RdA, 30]
2011, pp. XII-155 di testo - 128 tavole B/N
ISBN 88-7689-258-5
Prezzo: Euro 180,00

This work relies on the results of archaeological surveys and excavations of Roman temples, shrines and temene, discovered in Israel. Unfortunately, the literary sources are curiously silent with regard to most of the constructions. Nonetheless, literary sources, archaeological-architectural analogies and circumstantial evidence do provide some additional information for the understanding of their context, architecture, functions and religious-cultic perceptions. Their remains reflect a large scale of sacred buildings or complexes in the Roman period throughout the country, evincing the veneration and worship of many and varied deities of the Graeco-Roman and Oriental pantheons. Many temples and shrines are depicted on coins or mentioned in literary and epigraphic sources. These indicate that a large number of temples/shrines, dedicated to various gods, existed in Israel in the Roman period. Thus, it may be assumed that they reflect not only the architectural reality, but also the religious-cultic atmosphere.
It would seem that these architectural complexes had either been deliberately concealed and/or destroyed in Late Antiquity (fifth and sixth centuries CE) by order of the Christian authorities and Byzantine emperors, or converted into churches. Some of them were demolished by later generations, natural disasters, fires, conquests, etc. The chronological range of the temples/shrines and temene, discussed in this book, extends over a period of approximately 250 years, from Herod’s reign up to Severan era.

Contents:
Preface; Introduction; I. Paneas/Banias-Caesarea Philippi; II. 'Omrit; III. The Temple of Baalshamin at Kedesh in upper Galilee; IV. Beth Shean/Scythopolis; V. Elijah's cave on Mt. Carmel; VI. Dor; VII. Caesarea Maritima; VIII. Samaria-Sebaste; IX. The Temple of Zeus Hypsistos at Tell er-Ras on Mt. Gerizim; X. Aelia Capitolina/Jerusalem; XI. The Temene at Elonei Mamre and Me'arat Hamachpelah (Tombs of the Patriarchs) in Hebron; XII. Varia: 1. Keren Naphtali (Khirbet Harrawi), 2. Bethsaida, 3. Hippos/Sussita, 4. Tiberias, 5. Beset, 6. Acco/Ptolemais, 7. Shuni Maiumas, 8. Aphek/Antipatris, 9. Jaffa, 10. Beth Guvrin/Eleutheropolis, 11. Ascalon/Ashkelon, 12. Gaza, 13. Elusa/Halutza; Epilogue; Literary Sources; Abbreviations; Bibliography; List of Plates, General index.

DIE JACOBSTHAL - RELIEFS. Konturierte Tonreliefs aus dem Griechenland der Fruehklassik

Florian STILP
[Supplementi alla RdA, 29]
2006, pp. 284 - 85 tavole. 85 B/N, 1 tavola a colori
ISBN 88-7689-211-7
Prezzo: Euro 150,00

Jacobsthal-Reliefs – in der Forschung bislang als «Melische Reliefs» bekannt – sind konturierte Tonreliefs kleinen Formates, die in Griechenland in der Zeit von etwa 500 bis 440 v. Chr. hergestellt wurden. Die eingehende Untersuchung der Herstellungsmerkmale führte nicht nur zu einem besseren Verständnis der Fertigungstechnik, sondern ermöglichte auch eine Unterteilung des zuvor als homogen betrachteten Materials in Gruppen, die auf verschiedene Werkstätten zurückgehen müssen. Die glaubwürdigen Provenienzen, der Stil und auch die Ikonographie legen für einen Teil eine Herkunft aus Attika nahe, ein anderer dürfte aus Inselionien stammen. Jacobsthal-Reliefs wurden nicht nur als Grabbeigaben, sondern auch als Votive in Heiligtümern verwendet. Daneben ist auch ihre dekorative Verwendung im privaten Lebensbereich wahrscheinlich. Aus der Untersuchung der technischen Eigenheiten der Reliefs geht hervor, daß die Jacobsthal-Reliefs sicherlich keine Appliken auf mobilen Gegenständen – so die bisherige Deutung – waren, sondern an unbeweglichen Stellen – mittels einer Schnur oder einem Nagel – locker aufgehängt, abgestellt oder abgelegt wurden. Die ikonographische Variation innerhalb der Jacobsthal-Reliefs ist mit den nahezu 50 überlieferten Bildthemen beachtlich, die vorliegende Studie liefert hierzu eingehende Analysen.

I rilievi Jacobsthal – conosciuti finora dagli studiosi come "Rilievi Melici" – sono dei rilievi a contorno in argilla di piccolo formato, prodotti in Grecia tra il 500 e il 440 a.C. La ricerca dettagliata svolta dall'Autore sulle caratteristiche di produzione non solo ha portato ad una migliore comprensione della tecnica di fabbricazione, ma ha reso anche possibile una suddivisione in gruppi di un materiale che precedentemente veniva considerato omogeneo e che invece doveva risalire a diverse botteghe. Le provenienze attendibili, lo stile e l’iconografia ci consentono di ipotizzare per una parte dei rilievi un’origine attica, per un’altra parte dalle isole ioniche. I rilievi Jacobsthal venivano utilizzati non solo come corredo nelle tombe ma anche come oggetti votivi nei santuari. Inoltre è probabile che siano stati utilizzati come decorazioni in ambito privato. Dall’indagine delle proprietà tecniche dei rilievi risulta evidente che i rilievi Jacobsthal non erano delle applique su oggetti amovibili – come si credeva finora – ma che per mezzo di una corda o di un chiodo potevano essere appesi a una parete o semplicemente appoggiati. La varietà delle iconografie abbraccia una gran quantità di tematiche (circa 50), delle quali il presente studio fornisce un’analisi approfondita.

ATHANA LINDIA - LE STATUETTE SICELIOTE CON PETTORALI DI ETA' ARCAICA E CLASSICA

Marina ALBERTOCCHI
[Supplementi alla RdA, 28]
2004, pp. 194 - 35 tavole
ISBN 88-7689-187-0
Prezzo: Euro 150,00

Il volume presenta la prima raccolta sistematica delle terrecotte indicate convenzionalmente come raffigurazioni di Athena Lindia, caratterizzate dalla presenza di pettorali e prodotte in Sicilia tra il VI e il V sec.a.C. Tale tipo ha suscitato l’interesse degli studiosi fin dagli inizi del secolo scorso per le sue caratteristiche iconografiche: oltre alla ricca pletora ornamentale, le statuette indossano una particolare stola sul chitone e grandi fibule alle spalle.
Il lavoro si articola in un’ampia classificazione tipologica, che si avvale degli strumenti offerti dallo studio della tecnica di fabbricazione delle terrecotte, e nell’analisi della distribuzione dei fittili per siti e contesti di rinvenimento, oltre ad uno studio dei peculiari elementi iconografici. La raccolta catalogica ha consentito alla studiosa di suggerire delle risposte ai numerosi interrogativi suscitati da tale tipo di offerta, relativi sia ai centri di produzione che al discusso significato dell’immagine. E’ emerso così un quadro ben preciso che vede Agrigento come centro propulsore, e una concentrazione in santuari demetriaci piuttosto che poliadici, come sostenuto per lungo tempo. Si propone dunque di vedere in tali figurine la riproduzione in piccolo formato di un’immagine di culto, da identificare verosimilmente in quella della dea protettrice della fertilità agraria e umana, particolarmente venerata nelle ricche colonie della Sicilia.

ART IN THE PUBLIC AND PRIVATE SPHERES IN ROMAN CAESAREA MARITIMA. Temples, Architectural Decoration and Tesserae

Yehudit TURNHEIM - Asher OVADIAH
[Supplementi alla RdA, 27]
2002, pp. 80 - 116 illustrazioni
ISBN 88-7689-183-8
Prezzo: Euro 140,00

From the Preface: The three independent sections of this book form together a tightly woven whole, focused upon Caesarea Maritima. Each section treats a different aspect of one and the same subject: the art created in Caesarea Maritima during the various stages of the Roman period, concentrating on the media of architecture, architectural decoration and mosaics.
The section on the temples deals with the architectural and cultic aspects of Caesarea Maritima during the Roman period. The section on architectural decoration focuses on the blocks used in construction of one of the main monuments of the city - the theatre - as well as on a number of decorated fragments belonging to unidentified buildings from other areas of Caesarea. The section on the geometric mosaic provides an extensive discussion of a unique coloured mosaic, and examines the artistic, stylistic and chronological connections with mosaic pavements found in other Mediterranean countries.
Through these media one can follow not only the visual arts of the city in particular, but also of Eretz Israel in general. The studied artistic works also reflect the spiritual, religious and material culture of metropolitan Caesarea, a flourishing microcosmos whose fame spread far beyond its shores.
The three media studied in the book reveal the migration of formal artistic notions and decorative motifs from the West, the Classical world and its heritage, and show how these were borrowed, adapted and later assimilated by this large port city in the Eastern Mediterranean. The architecture, for example, mainly of a religious nature (temples and places of cult or worship), attests to the adoption of Western cults (Greek and Roman) that depicted gods and emperors side by side, together with the existence of Oriental cults such as Mithraism.

MARIAGE ET SUOVETAURILIA. ETUDE SUR LE SOI-DISANT "AUTEL DE DOMITIUS AHENOBARBUS"

Florian stilp
[Supplementi alla RdA, 26]
2001, pp. 134 - 77 illustrazioni
ISBN 88-7689-160-9
Prezzo: Euro 80,00

Avant-propos
Cette étude est une version corrigée de mon mémoire de maîtrise rédigé pendant I'année universitaire 1997/98 dans le cadre de I'UFR d'Histoire de I'Art et d'Archéologie de I'Université de Paris-Sorbonne (Paris IV). Nous avons décidé de nous occuper du soi-disant “Autel de Domitius Ahenobarbus” à partir de I'observation suivante, faite lors d'un exposé dans un séminaire: le discours scientifique autour du monument s'était restreint à des propos qui se sont surimposés à un regard neutre sur les données de base fournies par les reliefs. Notre objectif était ainsi de fonder une nouvelle base de discussion, libérée des hypothèses établies. Celle-ci sera nécessaire pour des recherches ultérieures sur certains aspects du monument, seulement effleurés par ce travail; nous pensons avant tout à l'étude de la société dans laquelle ce dernier trouvait sa place [...]

LA BOTTEGA DEL PITTORE DI MELEAGRO

Francesca CURTI
[Supplementi alla RdA, 25]
2001, pp. 300 - 105 tavole e 11 illustrazioni nel testo
ISBN 88-7689-155-2
Prezzo: Euro 95,00

La Bottega del Pittore di Meleagro è forse quella che offre gli spunti più significativi per uno studio dei cambiamenti che avvengono negli anni tra la fine del V e gli inizi del IV secolo a.C. nell'ambito dell'organizzazione della produzione ceramografica attica. Già il Beazley, nella prima edizione della sua opera e per primo, aveva riconosciuto l'importanza e l'omogeneità di un gruppo di 47 vasi che aveva raccolto, avvicinando a questi altri 14, sotto il nome convenzionale di Pittore di Meleagro. Lo studio vuole esaminare l'officina di questo pittore con un nuovo Corpus di 140 vasi con lo scopo di individuarne collaboratori ed allievi che definiscano un gruppo omogeneo per formazione e per scelte stilistiche. Gli artigiani che operano nella Bottega del Pittore di Meleagro sono stati individuati in base a caratteristiche tipiche dello stile ma anche secondo la scelta dei soggetti e delle forme vascolari.

LAODICEA DI FRIGIA I

Gustavo TRAVERSARI [a cura di]
[Supplementi alla RdA, 24]
2000, pp. 164 - 22 tavole
ISBN 88-7689-164-1
Prezzo: Euro 90,00

Il volume raccoglie i risultati dei “surveys” geo-topografici e archeologici su Laodicea di Frigia, compiuti dalla missione archeologica italiana, diretta dal Prof. Gustavo Traversari dell'Università Ca' Foscari di Venezia, “surveys” condotti durante le campagne estive fra il 1993 e il 1999, con l’autorizzazione della Direzione Generale dei Musei e delle Belle Arti del Ministero della Cultura turco.

Indice/Contents:
GUSTAVO TRAVERSARI, La situazione viaria di Laodicea alla luce degli itinerari romani; GIORGIO BEJOR, Per una ricerca di Laodicea ellenistica; MANUELA FANO SANTI, Comunità giudaiche a Laodicea; LUIGI SPERTI, Ricognizione archeologica a Laodicea di Frigia: 1993-1998; GIORGIO BEJOR, JACOPO BONETTO, La ricognizione del 1999: dalla Porta Efesia all'Agorà occidentale; SAURO GELICHI, CLAUDIO NEGRELLI, La ricognizione del 1999: Laodicea in età tardoantica e bizantina.

TORCELLO: NUOVE RICERCHE ARCHEOLOGICHE

Lech LECIEJEWICZ (Ed.)
[Supplementi alla RdA, 23]
2000, pp. 98 - 70 tavole
ISBN 88-7689-155-2
Prezzo: Euro 62,00

Dalla Premessa
Questo libro è il risultato di una ricerca progettata diversi anni fa nell'importante Simposio italo-polacco sulle "Origini di Venezia", svoltosi nel 1980, a Palazzo Bernardo, sede della Sezione di Archeologia dell'Università di Ca' Foscari di Venezia, per iniziativa del prof. Gustavo Traversari, allora Direttore del Dipartimento di Scienze storico-archeologiche e Orientalistiche, e del prof. Witold Hensel, già DIrettore dell'istituto di Storia della Cultura Materiale dell'Accademia delle Scienze di Varsavia. In quella sede emerse la necessità di programmare nuovi scavi, ben precisi e mirati, soprattutto a Torcello, sviluppando e approfondendo quelli già noti ed editi in veste di volume nel 1977, dal titolo "Torcello - Scavi 1961-62" [...]

Indice:
WITOLD HENSEL - GUSTAVO TRAVERSARI Premessa, L. LECIEJEWICZ, Introduzione, L. LECIEJEWICZ - M. RULEWICZ, Ricerche archeologiche condotte nell'isola di Torcello negli anni 1981 e 1983; A. SACCOCCI, Monete e tessere dello scavo 1983; T. HERBICH - I. MODRZEWSKA, Prospezioni archeo-geofisiche nell'isola di torcello. Campagna 1981; F. PIANETTI - I. MODRZEWSKA - A. FERRETTI, Gli scavi di Torcello. Il quadro geologico; G. ROMANO, Gli orientamenti degli scheletri nella zona degli scavi eseguiti nel 1961-1962 e 1983 a Torcello; I. MODRZEWSKA, Note sulle ceramiche tardo romane dello scavo nell'isola di Torcello; M. F. PAZDUR, Risultati della calibrazione delle età radiocarbonio convenzionali di frammenti di legno provenienti dal sito archeologico di Torcello; L. LECIEJEWICZ, Torcello antica e medievale alla luce delle nuove ricerche archeologiche

VIE COLONNATE. PAESAGGI URBANI DEL MONDO ANTICO

Giorgio BEJOR
[Supplementi alla RdA, 22]
1999, pp. 143 - 98 illustrazioni
ISBN 88-7689-154-4
Prezzo: Euro 60,00

Indice:
Premessa 1. La plateia di Antiochia 2. Nascita di una soluzione urbanistica 3. Sviluppo di un modello e originalità locali: dal problema di Sardi alle varianti micrasiatiche 4. Gli esempi di Panfilia e Pisidia 5. Differenti soluzioni a Rodi e in Grecia 6. Dopo il 115: l'affermazione di un tipo siriano 7. La diffusione del modello siriano a Sud della Siria 8. Le vie colonnate in Cilicia 9. Le vie colonnate in Egitto e Cirenaica 10. I provvedimenti urbanistici neroniani e le vie colonnate in Occidente 11. Modelli siriani nelle urbes novae severiane 12. Segno imperiale e simbolismo tetrarchico 13. Costantinopoli: un nuovo modello 14. Da Zenobia ad Anjar: l'immagine della città regale tra Bisanzio e l'Islam. Conclusioni. Note. Appendice I Appendice II. Principale bibliografia citata. Elenco delle figure nel testo.

LE COLLEZIONI DI ANTICHITA' NELLA CULTURA ANTIQUARIA EUROPEA. Incontro internazionale. (Varsavia - Nieborow 17-20 giugno 1996)

Manuela Fano Santi [a cura di]
[Supplementi alla RdA, 21]
1999, pp. 154 - 70 tavole
ISBN 88-7689-175-7
Prezzo: Euro 140,00

Indice
Premessa; Dietrich BOSCHUNG - Colletions de Sulptures antiques: catégories et intentions; Anna SADURSKA- Sur quelques secrets devoilés et quelques recherches oubliées; Gustavo TRAVERSARI - Cinque gemme di età romana con ritratti di personaggi storici al Museo Archeologico di Venezia; Henning WREDE - Ein imaginierter Besuch im Museo di Carpi; Jerzy KOLENDO - Histoire des colletions épigraphiques en Pologne; Carlo GASPARRI - L'esposizione dell'antico: sulla Galleria Nobile di Villa Albani; Filippo M. CARINCI - Marmi Giustiniani nei disegni della Raccolta Topham; Maria Grazia PICOZZI - Ritratti greci della collezione Giustiniani; Lucia FAEDO - Considerazioni sul alcune "statue antiche di rara beltà et grandezza" nel Palazzo dei Borghesi in Piazza Borghese; Odile CAVALIER - Une étape de la constitution de la collection d'antiquités du Musée Calvet. Le cabinet Sallier d'Aix-en-Provence; Adriano MAGGIANI - Anello arcaico con iscrizione etrusca al Museo Archeologico di Venezia; Maria Grazia MARZI - La collezione Galluzzi di Volterra - Le oreficerie; Irene FAVARETTO, G. BODON - Proposta per una programmazione informatica delle collezioni veneziane e venete di antichità; Tomas MIKOCKI - Storia del collezionismo delle antichità in Polonia; Witold DOBROWOLSKI - Acquisti italiani di Jan Dzialyński. Note per la storia della formazione della collezione Goluchóv; Iwona MODRZEWSKA - Alcune importazioni di anfore ritrovate fra l'alta Vistola e l'alto Dniestr; Monika REKOWSKA-RUSZKOWSKA - La collection d'antiquités d'Isabelle Czartoryska de Pulawy; O. NEVEROV - La collection des antiquités formée par Lyde Browne achetée par Catherine II

DEVOTION AND UNFAITHFULNESS: ALCESTIS AND PHAEDRA IN ROMA ART

Sonia MUCZNIK
[Supplementi alla RdA, 20]
1999, pp. 171 - 154 illustrazioni
ISBN 88-7689-151-X
Prezzo: Euro 180,00

Contents:
Preface, Introducion, PT. one: ALCESTIS. Chapt. 1: The Alcestis Theme. Chapt. 2: Alcestis in Funerary Art. Chapt. 3: Alcestis in Non-Funerary Art. Chapt. 4: Comparative Analysis and Significance. Pt. two: PHAEDRA. Chapt. 5: The Phaedra Theme.

LE RAFFIGURAZIONI MITOLOGICHE SULLA CERAMICA GRECO-ORIENTALE ARCAICA

Alessandra Tempesta
[Supplementi alla RdA, 19]
1998, pp. 200 - 42 tavole
ISBN 88-7689-152-8
Prezzo: Euro 95,00

VASI ATTICI FIGURATI CON DEDICHE A DIVINITA' ETRUSCHE

Adriano maggiani
[Supplementi alla RdA, 18]
1998, pp. 104 - 123 figure
ISBN 88-7689-136-6
Prezzo: Euro 120,00

Dalla premessa
[...] Questo lavoro ha preso le mosse dallo studio di una modesta coppa attica a figure nere con dedica alla dea Turan, conservata in una collezione privata di Chianciano [...], e di due importanti coppe a figure rosse del Museo Archeologico di Firenze, da tempo edite, ma degne di essere riproposte all'attenzione degli studiosi, in un caso, perché del pezzo si era praticamente perduto il ricordo, nell'altro, perché l'individuazione di nuovi frammenti congruenti con la piccola porzione del vaso finora conosciuta consentono una compiuta ipotesi di lettura della complessa scena figurata che ne decora le pareti.
La possibilità, che ho creduto di intravvedere, di approfondire la problematica sopra accennata attraverso questi tre monumenti, mi ha spinto a raccogliere in un piccolo "corpus" tutte le ceramiche attiche figurate dedicate in Etruria a divinità locali, come si evince dalle iscrizioni su di esse graffite, accostandole al nucleo, del pari ridotto, di bronzetti votivi di età arcaica e classica forniti di dediche con teonimo espresso. Ho poi tentato di porre a confronto la documentazione etrusca con quella del mondo greco e coloniale, raccogliendo anche in questo caso un provvisorio dossier di testimonianze [...]

VENEZIA L'ARCHEOLOGIA E L'EUROPA. Congresso Internazionale: Venezia 27-30 Giugno 1994

MANUELA FANO SANTI (A CURA DI)
[Supplementi alla RdA, 17]
1996, pp. 207 - 68 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-123-4
Prezzo: Euro 120,00

JASON - "FRAUEN ANGENEHM"

GERMAN HAFNER
[Supplementi alla RdA, 16]
1995, pp. 30 - 28 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-120-X
Prezzo: Euro 45,00

I RITRATTI DI AGRIPPINA MAGGIORE

RAFFAELLA TANSINI

[Supplementi alla RdA, 15]
1995, pp. 109 - 59 Figure
ISBN 88-7689-104-8
Prezzo: Euro 48,00

Dopo lo studio di Carlo Anti (1928), la ricerca sui ritratti di Agrippina Maggiore ne ha ricalcato fondamentalmente la struttura, arricchendo al più il catalogo ma accogliendo, quasi acriticamente, l'articolazione tipologica avanzata – con le conseguenti derivazioni nel campo storico e storico artistico. Nell'ultimo decennio una vivace serie di contributi ha ridiscusso taluni aspetti della problematica alterando notevolmente, o addirittura rovesciando, posizioni ormai decisamente consolidate. Il presente lavoro, sulla base di una minuziosa raccolta di tutti i dati monumentali, suggerisce una nuova lettura della storia dei ritratti della moglie di Germanico: e si propone quindi come una sintesi originale che, se può riaprire la discussione su alcuni quesiti particolari - o sollecitarla su altri finora mai toccati -, offre un quadro aggiornato dell'intera questione. Le interpretazioni e le soluzioni che vengono aggiunte - proprio per la puntualità dell'analisi, la completezza della documentazione, l'equilibrio nella trattazione - qualificano e caratterizzano il saggio [...]

SUB SPECIE DEAE. LES IMPERATRICES ET PRINCESSES ROMAINES ASSIMILEES A DES DEESSES. ÉTUDE ICONOLOGIQUE

TOMASZ MIKOCKI

[Supplementi alla RdA, 14]
1995, pp. 253 - 35 illustrazioni
ISBN 88-7689-111-0
Prezzo: Euro 190,00

Indice
Première partie: Les femmes des familles régnantes en tant que divinitès
1. Introduction - Critères de choix des sources; 2. La dynastie julio-claudienne; 3. La dynastie flavienne; 4. La période de Trajan; 5. La période d'Hadrian et la dynastie antonine; 6. La dynastie sévérienne; 7. Les IIIe et IVe siècles
Deuxième partie: Les divinités féminines dans la propagande dynastiquq et impérial romaine
1. Introduction; 2. Les divinités; 3. Conclusion
Troisième partie: Traditions, facteurs, formes et buts de l'assimilation des impératrices et princesses romaines à des divinités
1. Tradition; 2. Fateurs déterminants et formes d'assimilations; 3. Les objectifs d'assimilationes des impératrices et princesses à des divinités; Catalogue; Abréviations; Notes; Illustrations; Indices; Table des matières

LES SCULPTURES FUNERAIRES DE PALMYRE

ANNA SADURSKA, ADNAN BOUNNI

[Supplementi alla RdA, 13]
1994, pp. 217 - 255 figure e 14 piante fuori testo
ISBN 88-7689-103-X
Prezzo: Euro 110,00

Introduction
Les sculptures palmyréniennes présentent un groupe homogène au sein de la sculpture proche-orientale de l'époque romaine. Elles étaient recherchées par les collectionneurs depuis la moitié du XIXe siècle et, par conséquent, on les retrouve dans plusieurs musées et collections. Un des plus riche trésors des objets en question se trouve dans le musées de Syrie et, avant tout, au Musée de Palmyre. Ils attendent des recherches approfondies. Notre groupe syro-polonais a choisi comme premier objectif de cette recherche les sculptures trouvées dans les hypogées et appartenantes au Musée de Palmyre [...]

"PEOPLED" SCROLLS IN ARCHITECTURAL DECORATION IN ISRAEL

ASHER OVADIAH, YEHUDIT TURNHEIM
[Supplementi alla RdA, 12]
1994, pp. 181 - 283 illustrazioni e 4 tavole a colori fuori testo
ISBN 88-7689-104-8
Prezzo: Euro 160,00

Contents
Foreword; Abbreviations and Bibliography; Introduction. 1. Blocks Decorated with "Peopled" Scrolls; 2. Cornices; 3. Soffits; 4. Miscellaneous ornamented architectural elements; 5. Composition and iconography; 6. Technique, style and artisans; 7. Comparative analysis; Conclusions, Appendix; Notes; List of illustrations; List of colour plates; List of figures; Indices; Illustrations

LA TYCHE DA PRUSIAS AD HYPIUM E LA "SCUOLA" MICROASIATICA DI NICOMEDIA

GUSTAVO TRAVERSARI
[Supplementi alla RdA, 11]
1993, pp. 43 - 44 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-119-6
Prezzo: Euro 85,00

Dalla descrizione:
La scultura, che qui si prende in esame, pur conosciuta nel campo archeologico, non è stata mai considerata nei suoi peculiari significati di interpretazione artistica, interpretazione che si mostra di notevole valore e del tutto singolare nella storia del "barocco" microasiatico di età romana. Ecco il perché del nostro studio. La statua, che è stata trovata ad Üskübü, l'antica Prusias ad Hypium, in Bitinia, nel novembre 1931, si custodisce nel Museo Archeologico di Istanbul. È di dimensioni superiori al naturale (alt. totale m 2,65), di marmo bianco cristallino, a grana fina. [...]

Indice:
Descrizione; La Tyche nell'arte greca e romana; Confronti iconografici; Cronologia dell'originale e dell'archètipo; Valore stilistico; Significato e valore nel contesto topografico-ambientale; La "scuola" scultorea di Nicomedia; Elenco delle abbreviazioni, Note; Elenco delle figure con didascalie; Tavole con le figure

L'AVVENTURA ARCHEOLOGICA DI FRANCESCO MOROSINI AD ATENE, 1687-1688

ANTONELLA SACCONI
[Supplementi alla RdA, 10]
1991, pp. 128 - 48 figure
ISBN 88-7689-069-6
Prezzo: Euro 35,00

Dalla Presentazione
Il 27 settembre 1687 è ricordato tra le date funeste della Storia dell'Archeologia. Il Partenone che, adeguando le sue strutture alle nuove funzioni che il potere e le culture succedutesi ad Atene gli avevano attribuito (prima chiesa e poi moschea), aveva superato praticamente indenne due millenni di storia, fu allora squarciato dall'esplosione delle polveri accumulate nella sua cella durante l'assedio di F. Morosini. La gravità del disastro si è sempre misurata al confronto col significato del grande monumento pericleo e si verifica, ancor oggi, ogni volta che, nel lento recupero della sua realtà e dei suoi valori, si affronta un qualsiasi tema problematico. Senza attenuanti, fu un'onta per la cultura europea del tardo Seicento. Tuttavia, anche se nei dispacci morosiniani il proiettile che accese le polveri venne definito, secondo le ragioni della guerra, un "fortunato colpo", la lacerazione dell'imponente struttura provocò immediatamente un senso di colpa nella cultura dello stesso ambiente degli operatori militari. È così che, nella corrispondenza di quei giorni da Atene, si comunica che "è stata rovinata la più bella antichità del mondo", e che "mai più al mondo il tempio potrà esser ricostruito".
Ma proprio perché nell'esercito di Morosini erano presenti uomini di cultura di vari centri, anche universitari, dell'Europa del tempo, accanto alla triste presa di coscienza del danno vergognoso si mosse una serie di interessi che compongono un breve capitolo di Storia dell'Archeologia. [...]

Indice:
Presentazione; Sigle ed abbreviazioni; Premessa; 1. Gli eventi storici; 2. Le antichità di Atene ai tempi di Morosini; 3. Il collezionismo di antichità ai tempi di Morosini; Titoli e didascalie delle vedute di Atene; Regesto dei documenti militari; Regesto dei documenti antiquari; Regesto dei disegni di antichità; Indice delle referenze fotografiche delle sculture in marmo; Indice analitico; Tavole

ARCHEOLOGIA E ASTRONOMIA. VENEZIA, 3-6 MAGGIO 1989. Colloquio Internazionale

MANUELA FANO SANTI (A CURA DI)
[Supplementi alla RdA, 9]
1991, pp. 217 - 63 tavole
ISBN 88-7689-067-X
Prezzo: Euro 140,00

Premessa
I rapporti fra Archeologia e Astronomia hanno assunto negli ultimi decenni una considerevole importanza, dopo che numerose scoperte, compiute in molti paesi, soprattuto dell'Europa e dell'America, hanno messo in rilievo l'interesse delle antiche civiltà per l'osservazione dei fenomeni celesti, in particolare per scopi agricoli e cultuali. La collaborazione tra ricercatori delle due discipline, specialmente nel campo universitario, si è dimostrata, anche in Italia, quanto mai utile, permettendo di aprire nuovi orizzonti di indagine, con risultati talora sorprendenti. Per puntualizzare quanto è stato fatto finora in questo fecondo ramo della ricerca interdisciplinare, per dare nuovi contributi scientifici a vari problemi, è stato organizzato il presente Colloquio Internazionale nella sede del Dipartimento di Scienza storico-archeologiche e orientalistiche dell'Università di Venezia, in cooperazione col Dipartimento di Astronomia dell'Università di Padova e sotto il Patrocinio della Società Astronomica Italiana. Vi hanno partecipato molti studiosi italiani e stranieri con relazioni di alto livello scientifico. [...]

NERONE E LA "SUBMISSIO" DI TIRIDATE IN UN BRONZETTO DA OPITERGIUM

LUIGI SPERTI
[Supplementi alla RdA, 8]
1990, pp. 63 - 30 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-059-9
Prezzo: Euro 45,00

Il bronzetto del Museo Archeologico di Venezia, che ci accingiamo ad esaminare, è già noto agli studiosi, ma non ha ricevuto sino ad ora l'attenzione che merita. Si tratta di un'applique a tutto tondo raffigurante un imperator; il sostegno originario è ora perduto. Di ottima fattura, mantiene ancora la patina antica verde scuro. Fu rinvenuto in circostanze ignote nei dintorni di Oderzo, in provincia di Treviso, all'inizio del secolo e venne acquistato dal Museo Archeologico intorno al 1911. La figura presenta un viso giovanile dai tratti regolari, incorniciato da una frangetta di capelli folti e lisci. Una lorica squamata, resa con meticoloso lavorio di bulino, ricopre il torso. [...]

Indice:
Descrizione; Problemi iconografici; Il tema della submissio; Interpretazione storica del soggetto raffigurato; Nerone e l'Armenia; Nerone e la submissio di Tiridate; L'imperator nell'àmbito dei bronzetti romani: composizioni ad appliques; La provenienza da Opitergium; Elenco delle abbreviazioni; Note; Elenco delle tavole con didascalie; Tavole

VENEZIA E L'ARCHEOLOGIA. UN IMPORTANTE CAPITOLO NELLA STORIA DEL GUSTO DELL'ANTICO NELLA CULTURA ARTISTICA VENEZIANA. Congresso internazionale

MANUELA FANO SANTI (A CURA DI)
[Supplementi alla RdA, 7]
1990, pp. 312 - 86 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-056-4
Prezzo: Euro 160,00

Premessa
L'idea del Congresso è scaturita da un felice scambio di opinioni e da una stretta collaborazione fra l'Istituto di Archeologia dell'Università di Padova e il Dipartimento di Scienze storico-archeologiche e orientaliste dell'Università di Venezia, già legati del resto da pluriennali vincoli d'amicizia e di cooperazione scientifica. L'origine di questo interesse per la tradizione dell'arte antica e della cultura archeologica nella Venezia ai tempi della Repubblica Veneta ha avuto percorsi diversi e diverse motivazioni: da un lato lo studio di quelle sculture greche e romane, in molti casi dei veri capolavori, che provenivano da prestigiose collezioni veneziane, dall'altro lo studio delle vicende delle collezioni stesse, della loro formazione, in molti, purtroppo troppi casi, della loro dispersione. E proprio il tentativo di recuperare la memoria dei tanti pezzi antichi, non solo sculture, ma anche vasi, "instrumenta", monete, che passarono per Venezia dal XIII secolo in poi, lasciando per altro una notevole traccia sulla cultura artistica e antiquaria locale ed europea, ha suggerito di allargare l'indagine in più direzioni e di affidare i molteplici temi, che compongono le tante sfaccettature del problema, alle voci di specialisti delle varie discipline archeologiche e storico-artistiche. L'idea si è rivelata felice anche in questa riuscita esperienza di interdisciplinarietà, che ha visto avvicendarsi argomenti diversi, articolati secondo alcuni temi fondamentali, che hanno costituito il filo conduttore del Congresso, scandendolo nelle intense giornate di lavoro e che qui riproponiamo nell'ordine dato negli Atti alla successione degli interventi. [...]

"IL CONGIARIUM" IN ETA' IMPERIALE. ASPETTI ICONOGRAFICI E TOPOGRAFICI

GIANDOMENICO SPINOLA
[Supplementi alla RdA, 6]
1990, pp. 61 - 20 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-050-5
Prezzo: Euro 60,00

Il tema del congiarium è stato già esaurientemente trattato da molti autori, di conseguenza in questa ricerca si sono solo voluti approfondire alcuni aspetti iconografici e, soprattutto, riprendere l'esame topografico, apparendo entrambe le questioni degne di una revisione o, per lo meno, di nuove definizioni ed ipotesi. Una nuova lettura è infatti possibile alla luce di recenti acquisizioni, cercando anche di combinare e reinterpretare, di conseguenza, alcuni vecchi dati, nel tentativo di fornire un quadro organico che preveda un accordo di massima tra quanto ci offrono le indicazioni dei rilievi, delle monete, delle fonti delle epigrafi e dei resti archeologici.
Quindi tutti i singoli punti di questa ricerca sono stati approfonditi e finalizzati in funzione dell'analisi iconografica e topografica, estrapolando gli elementi per essa efficaci e, di conseguenza, affrontando le altre problematiche, pur di estremo interesse per altri aspetti delle liberalità, solamente di riflesso. A causa di ciò si è dovuto operare una selezione nella presentazione di particolari serie di documenti (come le epigrafi, le fonti, le monete ed i medaglioni), in quanto, nel volerli singolarmente esaurire, avrebbero altresì richiesto uno studio a parte e di ben altra mole. [...]

GRIECHISCHE AKROTERE DER ARCHAISCHEN UND KLASSISCHEN ZEIT

PETER DANNER
[Supplementi alla RdA, 5]
1989, pp. 95 - 32 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-045-9
Prezzo: Euro 119,00

STUDIO ICONOLOGICO DELLE LUCERNE SIRO-PALESTINESI DEL IV-VII SEC. D.C.

IWONA MODRZEWSKA MARCINIAK
[Supplementi alla RdA, 4]
1991, pp. 116 - 43 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-043-2
Prezzo: Euro 83,00

I. LUCERNE CON MOTIVI GRECO-ROMANI
Elementi architettonici; Animali e rappresentazioni fantastiche; Uccelli; Figure umane; Oggetti vari; Motivi vegetali: La vita, L'olivo e la palma, La rosetta
II. LUCERNE CON MOTIVI EBRAICI
Lo shofar; L'ethrog e il lulab; La «graticola”; La palma; L'«oggetto rotondo e la facciata»; La menorah; La stella
III. LUCERNE CON MOTIVI CRISTIANI
La colomba e altri uccelli; La lepre; Il pesce; Segni cristologici; Le croci
IV. Genesi ed evoluzione di alcuni motivi presenti sulle lucerne e loro simbolismo
Elenco delle abbreviazioni; Note; Elenco delle Tavole con disegni; Elenco delle Tavole con riproduzioni fotografiche

LES TRESORS D'ORFEVRERIE THRACE

josÈ dÖrig
[Supplementi alla RdA, 3]
1987, pp. 32 - 12 tavole e 14 figure
ISBN 88-7689-008-4
Prezzo: Euro 40,00

TYPOLOGIE UND BEDEUTUNG DER STADTRÖMISCHEN MINERVA-KULTURBILDER

WOLFANG SCHURMANN
[Supplementi alla RdA, 2]
1985, pp. 163 - 16 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-089-0
Prezzo: Euro 90,00

KAINEUS, STUDIEN ZUR IKONOGRAPHIE

ERICH LAUFER
[Supplementi alla RdA, 1]
1984, pp. 96 - 48 tavole fuori testo
ISBN 88-7689-090-4
Prezzo: Euro 50,00